COSIMI: “MENO TASSE E PIU’ LAVORO”, SEMBRA UNO SLOGAN MA E’ REALTA’!

Rilancio edilizia. Meno burocrazia e vincoli regionali, semplificazioni, tempi certi, sgravi fiscali. Ecco alcuni punti del programma politico di Luca Cosimi. Giovane rampante che sta cercando di migliorare e progettare una Toscana liberale, l’impresa sarà ardua, però il giovane San Vincenzino ha tutte le carte giuste per potersela giocare.

Nato a Pisa il 22 maggio del 1988, e cresciuto a San Vincezo, Luca Cosimi si è sempre interessato alla politica. Laureatosi alla Bocconi di Milano nell’ultimo anno ha svolto un tirocinio al Parlamento Europeo in the Directorate-General for Finances. Il candidato Forza Italia è sicuramente una valida alternativa al solito tram tram sinistroide Toscano. Vedremo come andrà, certamente, per Cosimi sarà difficile, però comunque vada sentiremo parlare a lungo di questo ragazzo, perché in fondo è uno dei pochi giovani all’interno di questo sistema arcaico.10277686_10206746231195578_9072016765027148957_n

Ciao Luca, come va? Iniziamo subito forte, come mai questa scelta?

“Bene, un po’ stanco, ma in formissima e pronto da affrontare questo tour de Force. Ho accettato di candidarmi perché ci vuole un rinnovamento totale nella politica e nei politici, anche nel mio partito non è che siano sempre un granché, perché talvolta si privilegia l’interesse personale al fare politica per gli altri. Il confronto è normale e legittimo tra destra e sinistra, il confronto sui valori e sulle idee, la presenza nel territorio e tra la gente, questa deve essere la politica. Non fare inciuci o avere tornaconti personali per attività extra. Dico questo perché il livello di corruzione in italia è al pari di paesi africani, con tutto il rispetto.”

luca_cosimi (1)

È passato un anno da quando ci sono state le elezioni comunali, sei consigliere, ma cosa hai fatto in questo lasso di tempo? Adesso Regionali, come mai questa scelta?

In questo anno, trascorso velocemente, ho cercato di realizzare un percorso duplice:

Da un lato ho continuato ad investire in formazione e lavoro. Ho completato infatti il master in marketing territoriale; conclusosi con uno stage di tre mesi presso una società di consulenza, sulla comunicazione.

Dall’altro lato ho coltivato la mia passione politica cercando di coinvolgere nel territorio chi come me ha interesse per idee liberiste e di centro destra. Nel ruolo di consigliere ho portato avanti, in comune a San Vincenzo, proposte concrete raccogliendo le richieste della gente e calandomi nella realtà del paese, perché credo di poter dare un contributo al rinnovamento del centro destra in termini di idee, percorso di studi ma soprattutto passione.”

11058310_10206701801884873_2197210851064478187_nLa Toscana è terra Rossa, forse il territorio più difficile per uno del tuo partito, come pensi di convincere i toscani?

Non sono io che devo convincere i Toscani, ma il mio programma elettorale e la coerenza con il quale cerco di portarlo avanti.”

Parlaci un po’ dei tuoi punti cardine.

Il discorso principale comunque è togliere gli sprechi, enti inutili, costi eccessivi della politica, sprechi degli enti para pubblici e municipalizzate, come i fondi regalati alle cooperative. In modo da ridurre le tasse addizionali regionali, In particolare l’Irap sulle imprese (7,5 miliardi di tasse regionali).

Con meno tasse, ci sarà più consumo e le aziende torneranno a produrre e ad assumere. La stessa politica andrebbe portata avanti a livello nazionale. Il  punto di riferimento è, sicuramente, Cameron. Ha abbassato le tasse e lì la disoccupazione è circa al 4.5%. Da noi al 13% e per i giovani al 45%. In provincia di Livorno è una emergenza, vera e propria: 10 mila giovani che non hanno opportunità né di studiare, né di lavorare sotto i 30 anni.

Parliamo del tema dei profughi, idee, opinioni, come risolvere il problema, se è un problema?

Che si tratti di un problema ormai è palese a tutti. Le risposte devono essere date a più livelli. Se si parla di Geopolitica ,al di là degli interventi di mediazione internazionale e di gestione dell’economia favorendo lo sviluppo dei paesi più poveri, è necessario soprattutto diffondere la contraccezione in Africa perché il continente possa offrire risorse sufficienti per i suoi abitanti. A livello regionale ritengo indispensabile agire promuovendo il rispetto della legalità. No quindi ai venditori abusivi. Si alla tutela delle forze dell’ordine nel combattere micro e macroriminalità.”

Renzi ha detto che se l’Italicum ci fosse stato da 10 anni l’Italia sarebbe diversa, cosa ne pensi?

Penso che per l’Italia sia necessaria una politica liberista basata su meno tasse e più lavoro e con Renzi questo non è possibile ,con o senza l’Italicum.”

Per ulteriori informazioni guardate la pagina Facebook di Luca Cosimi.

ANDREA PAONE

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...