Ritardatari cronici

Vi sarà capitato di incontrare persone che ad ogni appuntamento sono sempre in ritardo. O magari quelle persone siete proprio voi!

I ritardatari cronici, che non riescono mai ad essere puntuali, irritano le altre persone che continuamente devono stare ad aspettarli, ma bisogna capire che oltre la disorganizzazione ci possono essere meccanismi più profondi alla base del loro ritardo. Questo meccanismo inconscio, è una vera e propria patologia della personalità.
Genericamente in psicanalisi possiamo ritrovare alla base di questi ritardatari cronici un conflitto con l’autorità. Viene espresso il suo bisogno di disobbedire, di mettere in atto la sua completa libertà di fronte ad un obbligo sociale, quale la puntualità.

In alcuni casi il ritardatario cronico ha avuto dei genitori autoritari e per reazione, esprime in suo senso di riscatto. Ma, al contrario, potrebbe anche aver avuto genitori iperprotettivi, avvertendo un senso di oppressione che si trasforma in un’assenza di vincoli. Dunque arriva in ritardo per esprimere la sua autonomia!
Un’altra possibile motivazione inconscia del ritardo costante è il desiderio di attirare l’attenzione degli altri. Sfida costantemente amici e conoscenti a dimostrare quanto tengono a lui. “Se l’altro mi aspetta, tiene a me”. Richiama l’attenzione su di sé, e impone a chi lo aspetta di pensarlo e di desiderarlo.

Ovviamente queste sono solo interpretazione generiche, ragioni più profonde e inconsce sono legate alla persona e dunque è importante un’introspezione psicologica.

Il ritardatario non riesce ad arrivare in tempo, nemmeno se lo vuole. Anche con tutte le buone intenzione il ritardatario arriva costantemente in ritardo. Ma ovviamente ci si può liberare da questa abitudine. Oltre, come abbiamo detto, con un’introspezione sui problemi che obbligano inconsciamente ad un ritardo continuo, è possibile attuare facili stratagemmi.

• Per prima cosa tenere un’agenda è molto utile, anche solo per segnare tutti gli inconvenienti che abitualmente causano ritardo.
• Cronometrare le attività, per avere un quadro completo del tempo impiegato nel fare tutte le cose giornaliere.
• Andare a letto presto la sera, per riuscire a svegliarsi prima. E se si hanno impegni mattutini, potrebbe essere utile prepararsi i vestiti da indossare la sera prima.
• Ovviamente non affollare l’agenda di impegni, ma calcolare beni i tempi.
• Ed infine quando si arriva in ritardo chiedere scusa sinceramente, e essere il più sinceri possibili sulle cause.

“Era sempre in ritardo, per principio, essendo una delle sue teorie che la puntualità è la ladra del tempo.” (Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...