STORIE DI SPORT – MENNEA, L’UOMO CHE CORREVA PER LA VITA!

Quel dito alzato nel cielo di Mosca, mentre l’abbrivio spinge il vincitore ben oltre il traguardo, è l’indimenticabile istantanea di quel tardo pomeriggio del 28 luglio 1980.

«Io sono il numero uno», sembra dire al mondo Pietro Paolo Mennea, da Barletta, mentre scarica sul tartan della pista dello stadio Lenin la tensione della gara e la gioia della vittoria. Poi, a metà circuito, si ferma e ringrazia con un inchino i tifosi italiani impazziti di gioia. Solo allora i giornalisti, i fotografi e i cameramen che lo rincorrono da quando ha tagliato il filo di lana riescono a raggiungerlo.

L’Atleta azzurro ha appena vinto la finale olimpica dei 200 m. Ci può stare: lui, infatti, è il detentore dello strepitoso record del mondo sulla distanza – 19” 72 – ottenuto l’anno prima bucando come un missile l’aria rarefatta di Città del Messico. Ci può stare, perché molti temibili velocisti statunitensi in quella finale non ci sono, per via del boicottaggio di alcune nazioni del blocco occidentale attuato in seguito all’invasione sovietica dell’Afghanistan. Quello che è incredibile, semmai, è il modo con cui Mennea ha vinto.

mennea-arrivo
Mennea mentre taglia la linea del traguardo.

Torniamo indietro di sessanta secondi, o giù di lì. Il sorteggio ha affidato al nostro uomo l’ottava corsia, non proprio il massimo. Non che i suoi principali avversari stiano meglio. Allo scozzese Don Wells è capitata la settima, al cubano Silvio Leonard la prima. Solo Don Quarrie, il giamaicano, ha il binario migliore, il quarto.

Pronti. Via. Buona la prima. Mennea sembra partire bene, ma è solo un’illusione. Wells, infatti, a metà curva ha già annullato il décalage che lo separa dal ventottene barlettano, giunto alla sua terza Olimpiade. Il fortissimo britannico, che solo tre giorni prima si è portato a casa l’oro sui 100 m, sembra spinto da un tornado tropicale. I suoi appoggi sono perfetti, la postura è composta, la falcata è da primato. L’azzurro, invece, sembra contratto, sbanda leggermente verso l’interno e sbuca all’inizio del rettilineo con un ritardo di almeno quattro metri. Tra lui e Wells ci sono anche anche Leonard all’interno e Quarrie in mezzo.

Sembra finita, nessuno avrebbe il coraggio di scommettere un soldo bucato sul primatista del mondo. Poi, ai settantacinque metri, accade ciò che non ti aspetti. Wells, in debito di ossigeno per quella partenza forsennata, comincia a rallentare impercettibilmente e, piano piano, viene risucchiato da Pietro che, al contrario, sembra aver finalmente trovato la quadratura del cerchio.

Mennea-sul-podio-di-Mosca-©-AP-La-Presse
Mennea sul podio di Mosca.

Manca poco, però, il traguardo è ormai vicino. Troppo vicino. Ai quaranta metri la rimonta appare ancora impossibile. E invece no. A Wells la benzina finisce, a Mennea – forse – anche, ma l’azzurro ha una riserva che il britannico non possiede: la volontà, la caparbietà, la rabbia e l’ostinazione, marchi di fabbrica che accompagneranno per tutta la vita il campione pugliese. Il barlettano ora corre come il vento, risalendo la corrente senza più esitazioni, né sbavature. Il suo volto è contratto dallo sforzo. Il suo sguardo, però, punta già al gradino più alto del podio.

Paolo Rosi, l’indimenticabile telecronista della RAI, da autentico uomo di sport intuisce prima degli altri che qualcosa di straordinario sta per accadere. Negli ultimi quattro secondi di gara esclama, in un crescendo rossiniano, per cinque volte «Recupera!» – «Recupera!» – «Recupera!» – «Recupera!» – «Recupera!», fino a sciogliersi in un grido strozzato e liberatorio: «Ha vintoooo!». Il Paolone nazionale, del resto, ci ha sempre creduto. Anche quando sembrava impossibile perfino un piazzamento. Il tempo finale è di 20” 19, non eccezionale, ma tanto qui conta poco.

Wells, sorpassato di due centesimi – un’inezia – guarda prima incredulo l’avversario in maglia azzurra che, anche dopo aver tagliato il filo di lana, continua a correre ebbro di gioia, poi si accascia sulla corsia, sfibrato e incapace di comprendere le ragioni di quella sconfitta.

in-primo-piano-lindimenticabile-Paolo-Rosi
Paolo Rosi in primo piano.

Lo scozzese condivide la delusione col cubano Leonard, che guarda il tabellone con aria smarrita, sperando in un errore. Solo all’ultimo tuffo, infatti, si è visto negare il podio che ormai sembrava suo, risucchiato dal giamaicano Quarrie che lo recupera in extremis, precedendolo di un solo centesimo.

Quel dito alzato nel cielo di Mosca ce lo ricordiamo tutti. Quel dito, in realtà, indica qualcosa di più. In quel gesto trionfale c’è la prova esibita che il sacrificio, la determinazione e la voglia di non arrendersi mai pagano sempre, niente arriva per nulla.

Questo ha imparato dalla sua terra, dai suoi genitori e dai suoi allenatori, Franco Mascolo e Carlo Vittori, che hanno avuto una parte non secondaria nella sua formazione di atleta e di uomo.

Quel gesto, in fondo, è stato il suo modo da ragazzo del sud, schivo e chiuso fino all’introversione, di indicare a ognuno di noi che quella è la via infallibile – la sola che conosca – per puntare al gradino più alto del podio.

Che poi sia quello olimpico o quello della vita, a ben vedere, cambia poco…

LA TELECRONACA RAI, FATTA DA PAOLO ROSI

Annunci

Un pensiero su “STORIE DI SPORT – MENNEA, L’UOMO CHE CORREVA PER LA VITA!

  1. Chi non ha mai detto ad un suo amico che correva forte: “Ma chi sei? MENNEA!?” Uno dei corridori più veloci della storia! Unico ed inimitabile!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...