VETTEL IS BACK, THE FERRARI IS BACK!

Sono passate 96 settimane, 676 giorni, 16234 ore e 974065 minuti da quando la Rossa non saliva sul podio più alto! 

L’uovo di Pasqua della Ferrari si dischiude con una settimana di anticipo e la sorpresa che si trova all’interno è la più bella che si possa trovare: la vittoria tra l’altro ottenuto in Malesia, a casa della Petronas, che è sponsor e fornitore delle Mercedes. Che la rossa fosse forte lo si era intuito nell’inverno ed era stata confermata a Melbourne, ma che potesse già alla seconda gara infrangere il dominio della Mercedes era sognare come ad occhi aperti.
PROVA ECCEZIONALE 
Invece nella fornace malese, Sebastian Vettel ha fornito una prestazione eccezionale e, sostenuto da una strategia coraggiosa, ha messo in crisi i rivali tedeschi, che a un certo punto è sembrata andare in confusione con le strategie in un balletto di gomme medie e dure. Ma alla fine quando Hamilton e Vettel si sono ritrovati in pista (38° giro) con le stesse mescole, è lì che la Ferrari ha impressionato con la propria forza: perché Hamilton aveva un ritardo di 13”7, recuperabile se si fosse trovato di fronte una Ferrari tipo quella del 2014. E invece il campione del mondo ha dovuto alzare bandiera bianca.Malaysian Grand Prix, Sepang 26 - 29 March 2015
DIGIUNO FINITO 
Il digiuno che per Maranello durava da quasi due anni (Spagna 2012) e per il tedesco da Interlagos 2013, gara finale dell’ultimo sigillo iridato, è interrotto. Per i tedeschi è anche preoccupante il fatto che Rosberg non sia mai stato davvero in corsa per il successo, mentre a dimostrare la bontà della rossa c’è anche il quarto posto di Raikkonen, dopo una rimonta straordinaria dalle retrovie. Il finlandese è stato ancora una volta sfortunato al via: pizzicato da Nasr, è stato costretto a fermarsi ai box subito e a ripartire dalle retrovie. A punti una Williams per la verità assai sottotono con Bottas che passa Massa nel finale e poi il giovane Vertsappen miglior pilota del gruppo Red Bull: niente male per uno che aveva 17 anni. Può sognare come Maranello torna a sognare il Mondiale. Adesso sì.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...