Notts Country Football Club: la squadra più antica del mondo

Il club di Nottingham detiene il primato, visto che le altre quattro squadre fondate prima(Sheffield, Hallam, Worksop Town e Cray Wanderers), non hanno mai superato il dilettantismo.

Una storia incredibile quella del Notts Country, che iniziò nel 1862, anno della sua fondazione. Il club di Nottingham fu tra i 12 membri fondatori della Football League, disputando il primo campionato di calcio nel 1888-89. In quegli anni il Notts era considerata la squadra più prestigiosa, visto che poteva contare su 8 giocatori della Nazionale inglese nella sua formazione.

L’anno più bello fu il 1890-91, quando il club raggiunse il miglior piazzamento in campionato (terzo posto) e la finale di Fa Cup, dove fu sconfitto dal Blackburn . Il club di Nottingham riusci poi a rifarsi nel 1894, quando conquistò la sua prima e unica Fa Cup contro il Bolton, stabilendo il record di prima squadra di seconda divisione a vincere l’ambito trofeo. Negli anni successivi, la squadra passò momenti di alti e bassi, con un susseguirsi di promozioni e retrocessioni. Il periodo più brillante per la squadra fu tra gli anni 70′ e 80′ sotto la gestione di Jimmy Sirrel, che riuscì a stabilizzare le finanze del club e fu l’artefice del ritorno in massima divisione dopo 56 anni. L’allenatore scozzese è considerato da tutti il personaggio più importante della storia della squadra, tanto da essere idolatrato sia da chi lo ha visto allenare, sia dalle nuove generazioni. Negli anni che seguirono, la situazione economica subì un calo, cosi come il rendimento del club. L’unico successo di rilievo fu la conquista nel 95′ della Anglo-Italian Cup, ai danni dell’Ascoli. Dopo anni di crisi, nel 2009 finalmente la svolta, con la proprietà che passò ad un gruppo di sceicchi, che ingaggiarono Eriksson come direttore generale, con l’intento di riportare il club in Premier League(ultima volta nel 1991-92). Lo svedese si dimise dopo 7 mesi a causa della cattiva gestione finanziaria della società, che passò cosi nelle mani di Ray Trew. L’imprenditore riuscì nonostante tutto nell’impresa di riportare la squadra in Football League One, tra la gioia di tutti i tifosi.

Il gemellaggio più importante per gli inglesi, è sicuramente quello con la Juventus. L’unione nacque nel 1903, quando i torinesi erano alla ricerca di divise più professionali rispetto alle camicie rosa utilizzate fino ad allora. Jhon Savage, il socio incaricato del cambio maglietta, aveva un tifoso amico del Notts, che gli spedì in prova delle uniformi a strisce verticali bianco e nere uguali a quelle della squadra inglese. Da quel momento, la Juventus adottò la storica maglia bianconera, tuttora indossata dai calciatori della “Vecchia signora”. Uno storico legame tra le due squadre, suggellato l’8 settembre 2011, quando il Notts Country fu  invitato a partecipare all’amichevole inaugurale dello Juventus Stadium. Un’unione sentita molto anche dai tifosi della squadra inglese, che ancora oggi intonano “It’s just like watching juve”(è proprio come guardare la Juventus), ogni volta che il club compie una grande prestazione. Ora l’obiettivo principale dichiarato dai dirigenti del club, è quello di tentare il salto nella massima categoria, dove una squadra con il fascino del Notts Country merita di essere.

Articolo di Andrea Celesti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...