Higuain e Rafael trascinano il Napoli, dopo 24 anni è di nuovo Supercoppa.

A Doha è andata di scena la finale di Supercoppa Italiana, che per la prima volta sbarcava in Qatar. Inconsueto non è stato solo il luogo, ma anche il periodo visto che si trattava della prima finale giocata sotto le feste natalizie.

Davanti a 15.000 spettatori si sono affrontati i campioni d’Italia della Juventus e i detentori della Coppa Italia, il Napoli. La sfida, condita dalle polemiche ancora vive della Supercoppa di due anni fa, ha preso immediatamente una piega a favore della Juve visto che Tevez ha approfittato di un errore biblico di Koulibaly e Albiol dopo appena 5 minuti, siglando il momentaneo 1-0. La Juve tiene per tutto il primo tempo il pallino del gioco, a basso ritmo il Napoli dal canto suo crea due occasioni pericolose con Hamsik(una sbatte sul palo), ma ogni volta che il pallone arriva a Tevez sono guai per una difesa partenopea troppo ballerina. La prima frazione termina a favore degli uomini di Allegri che sembrano mostrare una certa superiorità sia sul piano fisico che del gioco.

Benitez nello spogliatoio carica i suoi, e il Napoli entra deciso. Inizia ad attaccare a testa bassa e, prima Callejon e poi Higuain, hanno due occasioni colossali per pareggiare, ma il risultato non cambia fino al 68’ minuto quando De Guzman approfitta di una Juve rinunciataria, e seduta sugli allori del goal di Tevez, per servire un assist al bacio ad Higuain lasciato troppo libero di colpire al centro dell’ area; stacco di testa chirurgico e Buffon battuto. Si va ai supplementari.

Qui accade il contrario, cioè è il Napoli stavolta ad accontentarsi e a rischiare; Vidal viene bloccato solo da Koulibaly sulla linea di porta e alla fine Tevez inventa una prodezza da cineteca che riporta avanti la squadra piemontese. Ma il Napoli ricomincia a giocare ed Higuain si trova a tu per tu con Buffon, sembra fatta ma il Campione del Mondo 2006 è reattivo come un gatto e salva i bianconeri. Ormai le certezze di un successo juventino sono assodate quando piove un pallone senza arte né parte in mezzo al’area, incomprensione del pacchetto difensivo bianconero ed il più lesto e scaltro è ancora Higuain che a un giro di lancette dalla fine gonfia la rete e spedisce tutti ai rigori.

Qui è una sfida infinita, i nervi tesi fanno sbagliare sia Jorghinho che Tevez; Buffon offre due match-point ai suoi che sprecano amaramente. Padoin non ha la lucidità giusta e Rafael fa esplodere di gioia i tifosi. Dopo 24 anni il Napoli torna a vincere la Supercoppa e lo fa ancora contro la Juventus.

Un applauso vai agli azzurri di Rafa Benitez che si dimostrano ancora squadra perfetta nelle partite secche; lucidità e voglia di crederci fino alla fine sono state le armi in più per battere i campioni d’Italia. Preme anche fare gli elogi a Tevez e Higuain, i due argentini hanno dimostrato una classe sopraffina e una rapidità di esecuzione al di sopra dei giocatori in campo: “ sanno fare la cosa giusta al momento giusto”.

La storia della Supercoppa si mischia anche con quella di Rafael infine, il portiere partenopeo è sempre stato l’imputato principale nelle sconfitte del Napoli ed invece ieri sera è stato l’eroe di una città che grazie alle sue prodezze, soprattutto quella su Padoin dal dischetto, è tornata a scrivere il suo nome sul’albo d’oro di questa competizione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...