Champions League: riscossa Juve, rimpianto Roma

I bianconeri passano il turno grazie al pareggio senza reti con l’Atletico, mentre i giallorossi vengono sconfitti 2-0 dal Manchester City e finiscono in Europa League.

L’Italia può sorridere a metà nell’ultima giornata di Champions League, decisiva per il passaggio del turno di Juventus e Roma. Se infatti i bianconeri riescono a passare il turno grazie al pareggio per 0-0 in casa con l’Atletico, i giallorossi non riescono a fare altrettanto, tra mille rimpianti.

Allo Juventus Stadium i bianconeri, a cui bastava un pari o una vittoria con due gol di scarto, fanno una partita di grande personalità contro i vice campioni d’Europa. Partita equilibrata fin dall’inizio con occasioni da una parte e dall’altra: tra i più attivi Pirlo(due punizioni che non centrano la porta) e Llorente, che spreca due buone occasioni. Da segnalare anche la buona prova di Buffon, che si fa trovare pronto sia sul tiro ravvicinato di Koke (compiendo una grande prodezza), sia sul tiro da fuori di Suarez sul finire del primo tempo. Nel secondo i bianconeri continuano ad attaccare ma l’Atletico rimane compatto e conserva il pareggio, che gli garantisce il meritato primo posto nel girone. La squadra di Simeone sarà dunque un avversario temibile per tutti nell’urna di Nyon, visto il suo equilibrio e la sua grande organizzazione difensiva. La Juventus passa invece da seconda, compiendo un passo in avanti rispetto all’anno scorso, dove era uscita ai gironi. Come possibili rivali per la squadra di Allegri ci sono Bayern Monaco, Barcellona, Chelsea(tanto per citarne alcune), ma già il passaggio agli ottavi è un grandissimo risultato, considerando il periodo di crisi del nostro calcio.

I bianconeri possono dunque gioire, lo stesso non può fare la Roma, caduta proprio sul più bello all’ultima giornata. La gara di ieri sera era cominciata in modo simile a quella dello Juventus Stadium. Giallorossi che partono a mille, con Hart che deve subito chiudere su Holebas, innescato dal solito Totti. E’ proprio nel primo tempo che la Roma ha le occasioni migliori, che pero non riesce a sfruttare. Tra i più propositivi Ljajic e soprattutto Gervinho, da brividi il suo diagonale deviato da Hart in calcio d’angolo. Ma il City è ben messo in campo e non è facile trovare spazi. La squadra di Pellegrini si dimostra anche brava nelle ripartenze, con De Sanctis che deve impegnarsi sul tiro ravvicinato di Milner. Nel secondo tempo la Roma cerca soprattutto di gestire il risultato, ma forse è proprio questo l’errore più grande. Il 60′ è un minuto fatale perché arriva la rete del Manchester City:Nasri si accentra indisturbato verso la porta e spara un destro che finisce all’incrocio dei pali. La Roma prova immediatamente la reazione con Nainggolan, Ljajic e Manolas(che colpisce il palo di testa), ma la palla non ne vuole sapere di entrare. Nel finale il City approfitta della stanchezza dei giallorossi e chiude i conti con Zabaleta. Grande partita del Manchester City, che ha fatto vedere la sua grande organizzazione di gioco, nonostante alcune assenze pesanti. La Roma ha giocato bene, è stata un po sfortunata, può recriminare per non aver chiuso la qualificazione nei minuti iniziali ( o forse a Mosca?), e alla fine la forza dei singoli del City ha fatto la differenza.

Da terza nel girone la squadra di Garcia vola in Europa League, una competizione dove potrà fare sicuramente molto bene, ma che rappresenta una “piccola consolazione” visto come si erano messe le cose nel girone di Champions.

Articolo di Andrea Celesti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...