RIBALTONE INTER…TORNA MANCINI

Sono passati sei anni dall’addio del “Mancio” alla panchina neroazzura, sei anni che lo hanno visto sedersi e vincere sulle panchine di Manchester City e Galatasaray; oggi il grande ritorno per sostituire Walter Mazzarri.

Partiamo proprio dall’uomo che se ne va, e cioè Walter Mazzarri. Un anno e mezzo alla guida dell’ Inter con più alti che bassi per l’allenatore toscano che ha vissuto, probabilmente, come unica vera gioia il derby dello scorso anno, vinto con il goal di tacco di Palacio. Quest’anno doveva essere l’anno della svolta, ma invece per Mazzarri a Novembre è già finito, stavolta il tecnico ha fallito e su questo non ci sono dubbi. Lui che ha conseguito una salvezza storica con la Reggina, lui che ha plasmato una Sampdoria bella e(quasi) vincente, lui che ha riportato il Napoli in Europa, stavolta esce sconfitto. Le colpe ci sono, certo il periodo di transizione societaria da Moratti a Thohir non ha aiutato sicuramente, ma Walter ha sbagliato ad insistere con il suo 3-5-2 anche quando la squadra non dava risposte positive, ha sbagliato a persistere nel suo modo di fare provinciale(prima regola non prenderle, poi si vede) ed ha sbagliato a non investire sui giovani, Kovacic escluso. Ma dare tutto il peso del fallimento a Mazzarri sarebbe immorale, perchè la squadra che gli è stata messa a disposizione era, e lo è ancora, di poco conto, sopratutto se paragonata alla rosa delle prime tre in classifica.

Comunque a torto o ragione la società ha deciso di esonerare Mazzarri e di far riaccomodare Roberto Mancini, uno degli allenatori più vincenti della storia recente interista. Per Mancini parla il palmares, con l’ Inter 3 scudetti, 2 coppe italia e altrettante supercoppe,  col City  una Premier che era attesa per più di quarant’anni. L’ esperienza a Mancini sicuramente non manca, ma le cose sono cambiate da quando lui è andato via; davanti non c’è più Zlatan Ibrahimovic, dietro non ci sono più i vari Maicon, Samuel, J.Zanetti, è una squadra diversa, senza grandi nomi e che deve crescere tantissimo. Il terzo posto è l’obiettivo massimo, l’ impresa è ardua perchè sia Roma che Napoli ,e naturalmente la Juventus, sembrano di un altro rango.Il calcio è bello perchè è imprevedibile e l’ arrivo di un allenatore col carisma e la sapienza calcistica come quella che ha Mancini potrebbe aiutare molto.

Un’ ultima menzione per il derby del prossimo fine settimana contro i “cugini” del Milan. Sicuramente con l’arrivo del Mancio questo match si animerà di più e, auguriamocelo tutti, probabilmente potrà tornare ad essere il Derby con la D maiuscola.

Articolo di Raffaele Giachini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...