Juve,bene cosi.Milan e Roma pareggi inutili

Il DNA non è certamente europeo, s’è visto. Giochi bene, sfiori più volte la rete, ma paghi pegno la più infima distrazione. In Europa, la dura legge del gol sbagliato – gol subito è una costante. Anche con gli ellenici dell’Olympiakos, terzo incomodo del girone.

Ma in Italia è tutta un’altra storia, specie se hai centrato la ventitreesima vittoria consecutiva in casa, davanti al proprio pubblico. Allo Juventus Stadium, il fortino bianconero espugnato una sola volta a tre anni dalla sua inaugurazione. Un successo importante ai danni del Palermo (tra le fila dei siciliani, ottima la prestazione offerta da Dybala), visto il risultato conseguito dalla Roma.

Pareggio a reti inviolate al Marassi, con la sorprendente Samp appaiata al terzo posto in classifica. A pari punti con l’Udinese di Stramaccioni, altra piacevole outsider che può beneficiare di un Totò Di Natale eterno, mai stanco di stupire. Risultato sfruttato appieno dalla formazione di Allegri, non dalla compagine di SuperPippo Inzaghi, che ha mancato l’appuntamento con la terza posizione in solitaria. Complice l’ennesimo X, dopo Empoli e Cesena. Con la Viola, irriconoscibile (senza Rossi e Gomez), dominata per più di un tempo, ci ha pensato Ilicic a mandare in bambola il Milan. Alle spalle dei rossoneri, vincono Lazio, Inter e Napoli.

Pirotecnico il risultato del San Paolo, scaligeri annichiliti sotto i colpi di Callejon (un attaccante aggiunto, letale in zona gol, sette reti che gli fruttano il titolo di capocannoniere) e di Higuain ,autore di una tripletta, con un Marek Hamsik ritrovato. Il sabato ci ha offerto autentico spettacolo: non soltanto il pareggio serale di Genova, il festival del goal è andato di scena nei due anticipi pomeridiani. Al Castellani, si è rivista Zemanlandia: padroni di casa caduti sotto i colpi dei cagliaritani, rigenerati sotto la cura del boemo. “La miglior difesa è sempre un buon attacco”, il motto zemaniano. Un successo importante, contro una diretta concorrente alla salvezza. Come l’affermazione del Sassuolo, che fa suo il derby ducale: espugnato il Tardini, dopo aver fermato la corsa della Juventus.

Articolo di Paolo Rapisarda

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...