E se ci ammazzano anche don Ciotti?

donciotti

Pochi giorni fa scrissi un articolo sulla mafia, un piccolo sfogo che mi tenevo dentro e che avevo bisogno di esternare. Neanche a farlo apposta, oggi mi ritrovo a scrivere, forse un po’ più preoccupato.

Riina è l’ “uomo” che tutti conosciamo. E’ quello che non si fa problemi a comandare l’omicidio di chi è scomodo. E in questo caso è don Luigi Ciottti ad essere scomodo.

Don Ciotti nasce nel ’45, è un presbitero, e dedica la propria attività (religiosa e non) al servizio della comunità, prima in aiuto ai tossicodipendenti con il gruppo Abele, poi con l’associazione Libera, contro i soprusi delle mafie. Dal 1995, anno della sua fondazione, Libera è una delle associazioni più attive in Italia, con campi di lavoro nei territori sequestrati ai mafiosi e campagne di informazione.

Una cosa che mi ha colpito quando conobbi la figura di don Ciotti, è la sua concezione di religione come partecipazione, aiuto pratico del prossimo e solidarietà. Con don Ciotti la religione, almeno per me, ha assunto un significato diverso, migliore, oserei dire.

E’ notizia di questi giorni che Riina, parlando con il boss pugliese Alberto Lorusso durante l’ora d’aria del 14 settembre scorso, abbia indicato don Ciotti come don Puglisi, un uomo che non si vuole fare gli affari suoi, e che invece di pensare alle messe, pensa ai territori e ai giovani. “Ciotti, Ciotti, putissimu pure ammazzarlo”.

Mi dispiace Totò, ma Ciotti non morirà, nè lui nè il suo spirito battagliero.

Lo spirito di quest’uomo è racchiuso nelle 1600 associazioni unite a Libera. Lo spirito di Don Ciotti sono le migliaia di ragazzi che partecipano ai campi di lavoro. Don Ciotti è la lotta di magistrati. Don Ciotti è quando qualcuno decide di non stare zitto ma di urlare.

Don Ciotti siamo noi, e se “noi” è plurale, significa che non siamo soli. E se non siamo soli, non muore nessuno. Falcone era già morto prima del 23 Maggio, perchè lasciato solo. Lo stesso Domenico Geraci era solo. Calogero Zucchetto era solo. Tutti soli prima di essere ammazzati. Don Ciotti non è solo, perchè se ammazzate don Ciotti allora venite ad ammazzare anche noi che ogni giorno lottiamo e ci sgoliamo contro il silenzio. Venite e ammazzate tutti noi, che siamo lo spirito di don Ciotti.

 

Lorenzo Gottini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...